Mag 192016
 

Esiste una torre lontana, odiata da tutti, odiata dalla tua genia.
Si staglia contro il mondo con sfacciata inutile superiorità.
Esiste una torre lontana, visibile da ogni landa di questa terra stanca in cui il mondo è andato avanti.
La sorveglia dall’alto, ridendo con i suoi occhi rossi.
La sorveglia dall’alto, irridendo con i suoi occhi rossi.
Ma io la amo quella torre.
Non per ciò che rappresenta ma per ciò che mi rappresenta.
Il luogo lontano verso cui guardare e sapere che tu esisti, che sei lì, che lotti, che lotterei accanto a te.
Il luogo lontano, all’orizzonte verso cui guardare per cercare la forza che vive ai suoi piedi.

Chiedimi ancora una volta delle scelte che ti sembrano pavide.
Chiedimi ancora il perché.
Fammi le domande giuste e non ascoltare le risposte.
Guardami solo negli occhi.
Guarda questa luce.
Contiene ogni risposta, ogni coraggio.
Ogni perché.

Visite: 241
Gen 082015
 

Da un po’ non capita che qui io scriva di politica, il titolo del blog è ancora poesipolemipolitica ma ammetto di aver mollato un po’ su quest’ultima.
La causa è piuttosto semplice in realtà, ossia il fatto che negli ultimi cinque o sei anni sono aumentati esponenzialmente in rete quelli che non sanno distinguere la politica dalla partitica, quelli che non sanno neppure cosa sia la politica e credono di parlarne ogni giorno pubblicando link con titoli altisonanti, quelli che si bevono ogni cosa dalle scie chimiche ai complotti spaziali credendo di essere per questo più acculturati e intelligenti di chi ha una formazione scientifica e lavora nei settori di competenza, questo mi ha fatto passare la voglia di discutere pubblicamente di politica.
Oggi tuttavia sono abbastanza infoiato da non aver voglia di non parlarne.
Voglio partire da un esempio più ampio per poi arrivare al punto:
La Franzoni (pare, perché io ho solo le informazioni giornalistiche, come tutti) abbia ucciso il proprio figlio, è solo il caso più famoso qui in Italia, quello a cui i giornalisti hanno deciso di dedicarsi ma ci sono diversi altri esempi (qui un elenco sommario).
perché nessuno dice che le mamme stanno facendo una guerra contro la nostra società per distruggere la popolazione e fare una selezione innaturale eugenetica di figli?
Semplicemente perchè, per ora, non abbiamo pregiudizi nei confronti delle mamme e difficilmente, per fortuna, riusciamo ad averne.
Tutto qui.
Eppure assumendo che le donne siano circa il 50% della popolazione e che quattro donne su cinque abbiano prima o poi figli la popolazione di mamme e potenziali tali sfiora il 40% su quella mondiale. Un potenziale terroristico estremamente grande.
Nonostante questo si assume che le madri assassine, percentuale estremamente bassa delle madri in genere siano delle pazze isolate.
La popolazione musulmana nel mondo si attesta intorno al 21% ,che è una popolazione grande la metà della popolazione delle madri.
In questa popolazione tre hanno fatto una strage a Parigi l’altro giorno.
In questa popolazione in varie parti del mondo ogni tanto qualcuno uccide gente.
In questa popolazione una percentuale decisamente ridotta comanda alcune nazioni usando la religione come espediente emotivo e morale per costringere una popolazione a fare cose negative, un po’ come fanno altre nazioni con il comunismo, un po’ come fanno altre nazioni con il potere totalitario, e molti di questi sono stati messi al potere dall’occidente, vogliamo ricordare chi ha messo al potere Saddam Hussein o Mu’ammar Gheddafi?
Eppure quando uno di questa popolazione fa un omicidio o uccide più persone questo implica che i Mussulmani ci vogliano conquistare.
Ora lasciamo perdere il fatto che Musulmano sia una generalizzazione enorme che dimentica di includere od escludere sotto gruppi di cui alcuni violenti e moltissimi pacifici, ma se il 20% della popolazione mondiale fosse fatto di terroristi che vogliono conquistare il resto del mondo, davvero qualcuno crede che non lo avrebbero già ampiamente fatto?
Peggio ancora se consideriamo che vogliano conquistare e distruggere il cristianesimo che è solo il 33%, pure frazionato in varie sotto categorie di cui il cattolicesimo che in Italia è considerato “quello giusto” è a sua volta una percentuale che andrebbe ulteriormente ridotta considerato i praticanti e quindi reali appartenenti a tale religione.
Però se ucciderci è un mussulmano è una guerra religiosa, se è una madre è lei ad avere dei problemi, non siamo in grado di concepire che tra i musulmani ci siano persone buone, magari la maggioranza, dato che in caso contrario ci avrebbero già conquistato, e persone con seri problemi che prendono la religione come punto scusa per commettere delitti.
Charles Manson, per prendere un caso famoso, ha fatto svariati omicidi e successivamente una strage di cinquanta persone, all’epoca era considerato e si considerava un leader religioso, affermava di essere la reincarnazione di Gesù Cristo e di Satana, ma nessuno ha pensato che la sua religione volesse conquistare il mondo, è semplicemente stato considerato uno squilibrato.
La definizione che da Wikipedia di terrorismo mi piace molto “Il terrorismo è una forma di lotta politica che consiste in una successione di azioni criminali violente, premeditate ed atte a suscitare clamore come attentati, omicidi, prostituzioni, stragi, sequestri, sabotaggi, ai danni di enti quali istituzioni statali e/o pubbliche, governi, esponenti politici o pubblici, gruppi politici, etnici o religiosi.” ora se prendiamo questa come definizione chi è a fare terrorismo?
I tre personaggi che uccidono dieci persone o noi stessi e il giornalismo che li innalzano a “Guerra Santa”, a “Ci vogliono conquistare” a “I Musulmani sono tutti cattivi” alimentando non solo la paura ma l’interesse nel ripetere simili atti?
Non sarebbe più semplice, più utile, più corretto tacciarli semplicemente di follia? Come una madre che uccide i figli? Come qualsiasi pazzo che uccide persone che semplicemente ha scelto una giustificante, una molla, un movente diverso da altri ma egualmente privo di senso?

Visite: 488
Mar 142011
 

E’ critica la situazione a Fukushima, dove a tre giorni dal devastante terremoto che ha colpito il Giappone, si lotta perevitare una nuova Chernobyl. Le barre di combustibile sono rimaste scoperte in tutti e tre i reattori della centrale nucleare di Fukushima 1 ed in uno di essi potrebbe essere cominciato il processo di fusione. Ad aggravare la situazione una nuova forte scossa di assestamento di magnitudo 6,2 avvertita anche a Tokyo. Intanto, si continuano a contare le vittime: 5.000 secondo l’ultimo bilancio che però si ritiene possa salire fino a 10 mila. Sul fronte economico la Borsa diTokyo ha chiuso gli scambi con una perdita del 6,18%; ferma la produzione nei maggiori impianti automobilistici del paese. La Bank of Japan ha immesso sui mercati valutari denaro liquido per 12mila miliardi di yen. La Farnesina ha reso noto che è sceso a due il numero degli italiani di cui non si hanno notizie.

TOKYO CHIEDE AIUTO A USA PER REATTORI – Il Giappone ha chiesto agli Stati Uniti aiuto per contribuire a raffreddare le centrali nucleari danneggiate: lo rende noto la Us Nuclear Regulatory Commission, Continue reading »

Visite: 1162
Apr 172010
 

Lo scrittore: “Assurdo preferire il silenzio, Berlusconi si scusi con le vittime”. “Non so se Mondadori è ancora adatta a me” di ROBERTO SAVIANO

Roberto Saviano

Roberto Saviano

Presidente Silvio Berlusconi, le scrivo dopo che in una conferenza stampa tenuta da lei a Palazzo Chigi sono stato accusato, anzi il mio libro è stato accusato di essere responsabile di “supporto promozionale alle cosche”. Non sono accuse nuove. Mi vengono rivolte da anni: si fermi un momento a pensare a cosa le sue parole significano. A quanti cronisti, operatori sociali, a quanti avvocati, giudici, magistrati, a quanti narratori, registi, ma anche a quanti cittadini che da anni, in certe parti d’Italia, trovano la forza di raccontare, di esporsi, di opporsi, pensi a quanti hanno rischiato e stanno tutt’ora rischiando, eppure vengono accusati di essere fiancheggiatori delle organizzazioni criminali per il solo volerne parlare. Perché per lei è meglio non dire.

è meglio la narrativa del silenzio. Del visto e taciuto. Del lasciar fare alle polizie ai tribunali come se le mafie fossero cosa loro. Affari loro. E le mafie vogliono esattamente che i loro affari siano cosa loro, Cosa nostra appunto è un’espressione ancor prima di Continue reading »

Visite: 758
Gen 222007
 

La missione World Community Grid è di generare la più grande griglia di calcolo pubblica che per il beneficio dell’umanità. Il suo lavoro lavoro è sviluppato sulla convinzione che l’innovazione tecnologica unita alla ricerca scientifica e il volontariato su larga scala può migliorare il nostro mondo. Il suo successo dipende dagli individui -come noi- che contribuiscono con il loro tempo-macchina a portare avanti questa attività noprofit.

Senza alcuna fatica è possibile aiutare la ricerca sul cancro, l’AIDS, la Distrofia Muscolare ed altro.

Il sito www.worldcommunitygrid.org permette di scaricare un semplice software client (mac, linux o windows) che sfrutta la potenza di calcolo del vostro computer per progetti di ricerca a livello mondiale come la lotta al cancro, l’AIDS, etc. Chi vuole e magari ha un muletto che sta a scaricare tutto il tempo e vuole fargli fare qualche cosa di buono può iscriversi facilmente. C’e’ pure una classifica che sto scalando.. eheh.

Ma….
Come funziona?
Il Calcolo Distribuito consente Continue reading »

Visite: 593
© Staipa's Blog: esercizi di stile, poesia o urla. Grafica sviluppata da Marika Petrizzelli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: