Staipa’s Blog

Il Blog di Stefano Giolo

Come riconoscere una Fake News? Parte 1

Prima di affrontare gli strumenti per riconoscere una Fake News il primo passo è sapere cosa sono e di conseguenza essere più preparati a riconoscerne le caratteristiche.
In primo luogo le Fake News, se le consideriamo prettamente come notizie false sono sempre esistite. Basti pensare alla convinzione religiosa che il sole o la luna fossero esseri senzienti o credenze analoghe. Già allora probabilmente era possibile dividerle in informazioni false dovute all’ingenuità della popolazione e informazioni false utilizzate da individui più intelligenti per assoggettare individui che lo erano meno.

Cosa sono le Fake News?

Le Fake News sono tutte informazioni oggettivamente false e che vengono diffuse, ma questa terminologia ha ormai privato il concetto di molte sfumature che credo sia importante conoscere, anche per valutare su quali abbia senso investire il proprio tempo e quali possano essere tranquillamente ignorate e lasciate nel domenticatoio.

Una classificazione che a me piace di più è la seguente:

Bufale

Si parla di bufale quando l’informazione nasce e muore in poco tempo. Generalmente ha una forte diffusione ma scompare nel giro di poco. Per fare qualche esempio vecchio e che farà probabilmente sorridere una delle prime dell’epoca di Internet è stata quella dei Bonsai Kitten (https://it.wikipedia.org/wiki/Bonsai_Kitten), alla fine del 2000 il bonsaikitten.com sito pubblicò le istruzioni per la creazione di “Gatti in bottiglia” e prometteva di vendere un apposito kit fai da te. Secondo il sito era possibile richiudere dei gattini in appositi contenitore di vetro sagomato in modo da farli crescere con quella forma, esatamente come per i bonsai arborei. La voce si sparse e ci furono diverse proteste, anche di testate giornalistiche considerate importanti.

bonsaikitten

Evidentemente non era chiaro, ne ovvio, a tutti che questa notizia non fosse possibile, ma si trattava semplicemente di una goliardata realizzata da alcuni studenti del Massachusetts Institute of Technology (MIT).

Un’altra bufala sempre di moda e sempre attuale è quella di WhattsApp o Facebook che diventano a pagamento, gira per qualche settimana e poi come sempre scompare in in nulla di fatto. Il più delle volte sono cose innoque su cui sorridere.

Leggende metropolitane

Si chiamano Leggende Metropolitante quando invece tendono a ripetersi nel tempo,  hanno una storia lunga, e si diffondono in maniera continua. Gli esempi sono molti come il classico degli alieni e l’Incidente di Roswell con annessa autopsia (https://it.wikipedia.org/wiki/Incidente_di_Roswell) che nonostante sbugiardato dagli stessi autori viene riportato periodicamente in auge da dubbi programmi televisivi o libri, la Teoria della terra piatta (https://it.wikipedia.org/wiki/Terra_piatta) di cui non credo di dover specificare nulla o il mito del Triangolo Delle Bermude (https://it.wikipedia.org/wiki/Triangolo_delle_Bermude) dove le navi e gli aerei sparirebbero misteriosamente.

Fake News

Si chiamano Fake News quando si basano su fatti di attualità modificando la realtà o inventando realtà alternative. Esistono svariati motivi per cui possono esistere le Fake News e purtroppo capita spesso che vengano generate appositamente per per spostare l’opinione pubblica inventando fatti di cronaca o travisando dati. Questo è il genere di Fake News più subdolo e pericoloso e prende in maniera più appropiata il nome di Disinformazione

Disinformazione

Si parla di Disinformazione quando la notizia false viene utilizzata appositamente allo scopo di far credere di informare su un dato argomento, ma in realtà si sta tentando di convincere di qualcosa di non reale, o di pilotare un’opinione. Sono probabilmente il tipo di Fake news, più subdolo e difficile da eradicare in quanto il più delle volte fanno peso su dei pregiudizi o su bias cognitivi (https://www.efficacemente.com/mente/bias-cognitivi/)


Nel prossimo articolo parleremo del perché esistono e sarà un’informazione utile per comprenderle, e per comprendere le motivazioni di chi le crea, se ci sono.

Disclaimer

Tutto ciò che leggi qui dentro è una libera rielaborazioni di vissuti, sogni e immaginati. Non rispecchia necessariamente la mia realtà. Se chi legge presume di interpretare la mia vera persona sbaglia. Se chi legge presume che tutto sia inventato sbaglia parimenti. Se tu che leggi mi conosci, leggimi come leggeresti uno scrittore sconosciuto e non chiederti altro di diverso di ciò che chiederesti di questo.

2 thoughts on “Come riconoscere una Fake News? Parte 1

  1. Curiosità: Ho avuto grosse difficoltà a pubblicare questo articolo su Facebook a causa di una censura preventiva: non è possibile scrivere un post, un commento o qualsivoglia cosa sul social network che contenga l’indirizzo del sito finto dove i Bonsai Kitten erano pubblicati.
    Fa ridere, ma è così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up

Questo sito usa cookies per fornirti la migliore esperienza. Se sei d'accordo clicca sul tasto 'Accetta cookies', altrimenti controlla la privacy cookies policy e scegli nel dettaglio.

Impostazioni Cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito Web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.