Staipa’s Blog

Il Blog di Stefano Giolo

Dalla moda del Black Lives Matter al razzismo ignorato

Tempo di lettura 2 minuti

Il Italia la moda del Black Lives Matter sta già passando, come tutte le mode passeggere. Qualcuno dà un’occhiata a qualche notizia negli Stati Uniti, qualcuno si lamenta un po’ di qualche statua ma il dibattito sta scemando sempre di più. Tra i trend topic torna la ministra Azzolina, Hobi, il Covid, perfino gli One Direction.

L’attenzione su certe cose non dura mai più di qualche giorno, a volte qualche settimana, alla fine sono cose che succedono lontano, succedono negli Stati Uniti. Noi siamo più bravi, più umani. Come nel mio articolo “Restiamo umani”? Ma anche no. https://wp.me/pQMJM-1ww.

E invece se uno ci sta attento a certe cose, se uno si informa invece di seguire le tendenze dei social scopre che certe cose accadono anche in Italia.

Che il video qui sopra racconta la storia di un uomo in divisa che costringe due migranti a picchiarsi, invita uno a comportarsi da uomo, e zittisce chi si mette a ridere. Dietro di lui altri suoi colleghi non intervengono, forse è il modus operandi standard, chi può dirlo? Il video, per chi non fosse arrivato alla fine, si conclude con uno dei due migranti che si raggomitola a terra tenendosi la testa fra le mani.

Dove sono i fan del Black Lives Matter oggi? Perché ci si indigna solo su quello che fa moda e non ci si indigna su quello che accade qui, sul nostro territorio? Su azioni di razzismo quotidiano che accadono accanto a noi.
Forse è più facile indicare lontano, forse è più facile indignarsi se sono tutti gli altri a farlo, forse è più facile seguire la massa.

Ne ho parlato solo pochi giorni fa nell’articolo “George Floyd, un’occasione per smettere di seguire le mode” (https://wp.me/pQMJM-1Vj), ne ho parlato perché era già chiaro che sarebbe andata così, e ho aspettato qualche giorno a pubblicare questo articolo. Nella speranza di sbagliarmi e che sarebbe venuto fuori il caso anche in Italia. Ma no. Purtroppo avevo ragione, purtroppo anche le proteste per motivi umanitari sono nella pratica in gran parte mode.

Ma allora non sentiamoci grandi eroi quando condividiamo qualcosa, non pensiamo di poter cambiare il mondo come i nostri genitori nel 68. Stiamo solo facendo il gioco di quelli che vorremmo combattere. Stiamo solo rendendoci ridicoli, e non siamo in grado di accorgercene.

Disclaimer

Tutto ciò che leggi qui dentro è una libera rielaborazioni di vissuti, sogni e immaginati. Non rispecchia necessariamente la mia realtà. Se chi legge presume di interpretare la mia vera persona sbaglia. Se chi legge presume che tutto sia inventato sbaglia parimenti. Se tu che leggi mi conosci, leggimi come leggeresti uno scrittore sconosciuto e non chiederti altro di diverso di ciò che chiederesti di questo.

3 thoughts on “Dalla moda del Black Lives Matter al razzismo ignorato

  1. Hai ragione è una lotta che va fatta tutti i giorni, ma a volte è davvero stancante. Le azioni, in caso di necessità, sono fondamentali e non bisogna mai tirarsi indietro nel difendere il prossimo, ma quello che stanca sono le parole. Ogni santo giorno dover rispondere, cercare il dialogo, difendere o difendersi da insulti più o meno celati, discriminazione, stereotipi, quello è davvero difficile.

    1. Braga Priscilla certo, ma se le persone focalizzassero su quello che gli succede attorno le stesse energie che focalizza per quello che succede negli Stati Uniti, forse sarebbe più semplice cambiare la realtà.
      È una scelta su cosa impegnarsi, e non deve essere una moda o una tecnica per acquisire consensi.

    2. Hai ragione. Sicuramente in un mondo così globalizzato è difficile guardare solo a casa propria, ma di problemi in Europa ne abbiamo decisamente tanti, per non parlare dell’Italia, per non parlare del Veneto, per non parlare di Verona, che ogni volta che ci torno mi fa sempre più paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up

Questo sito usa cookies per fornirti la migliore esperienza. Se sei d'accordo clicca sul tasto 'Accetta cookies', altrimenti controlla la privacy cookies policy e scegli nel dettaglio.

Impostazioni Cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito Web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.