Staipa’s Blog

Il Blog di Stefano Giolo

Nutrirsi del male.

Tempo di lettura 1 minuto

Nutrirsi del male.
Nel bene.
Nel male.
Nel vuoto assoluto disperso di mille perché.
Nutrirsi del male altrui.
Nasconde il proprio.

Sfoga.

Si, mi capita talvolta di nutrirmi del male degli altri, non provocandolo, questo no, mai. Cercando di curarlo, dando quel che posso, se posso.
Nutrirmi del male altrui cercando di scalfirlo, e scalfendolo scalfire il mio.
Lentamente.
Poi quando tutto sarà finito… chissà.
Chissà quel che sarà sarà.

Intanto nutrirsi, vivere, essere, condividere, dare, avere.

Essere.

Soprattutto essere.

Soprattutto essere, si.

Essere.


Disclaimer su racconti e poesie

Tutto ciò che leggi qui dentro è una libera rielaborazioni di vissuti, sogni e immaginati. Non rispecchia necessariamente la mia realtà. Se chi legge presume di interpretare la mia vera persona sbaglia. Se chi legge presume che tutto sia inventato sbaglia parimenti. Se tu che leggi mi conosci, leggimi come leggeresti uno scrittore sconosciuto e non chiederti altro di diverso di ciò che chiederesti di questo.

4 thoughts on “Nutrirsi del male.

  1. si è proprio nutrirsi del male altrui.. non essere capace di lottarci contro..oppure scegliere di lasciarlo entrare dentro.. scegliere di non odiarlo.. perché di male c’è n’è sempre troppo. Accoglierlo dentro quasi si potesse addolcirlo con il proprio calore.

  2. Qualche tempo fa feci un discorso illuminante con una grande persona, ripetendo più o meno le tue stesse parole… questa persona mi disse una cosa che mi spiazzò: “pensa a te stessa, e poi il preoccuparti degli altri acquisterà un senso superiore”.
    E comunque… non c’è niente di sbagliato. Continuo a ripetertelo, e temo continuerò fino alla nausea (la tua. Il mio stomaco è abbastanza forte…).

  3. “Nutrirsi del male altrui e scalfendolo scalfire il mio”…quanto condivido questo concetto! L’altruismo e il saper condividere il dolore altrui è infondo un modo per non sentire il proprio dolore. Antony De Mello nel suo libro “Messaggio per un acquila che si crede un pollo” parla proprio dell’altruismo come forma “buona” di egoismo. Fare del bene agli altri ci fa star meglio…Puoi metabolizzare tu il Dolore di una persona cara, aiutarla a superare un momento difficile..e poi..”chissà quel che sarà sarà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa cookies per fornirti la migliore esperienza. Se sei d'accordo clicca sul tasto 'Accetta cookies', altrimenti controlla la privacy cookies policy e scegli nel dettaglio.

Impostazioni Cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito Web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliQuesto sito utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per farlo funzionare.

AnaliticiQuesto sito utilizza cookie analitici per consentire di analizzarne l'uso e le visite alle pagine allo scopo di migliorare l'esperienza utente.

Social mediaQuesto sito web inserisce cookie di social media per mostrarti contenuti di terze parti come YouTube e Twitter. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltriQuesto sito inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.