Staipa’s Blog

Il Blog di Stefano Giolo

Come funziona il clickbait? NON CI CREDERAI MAI!

Sterno VS Rocky Balboa Tempo di lettura 5 minuti

Incredibile, stanno controllando le nostre menti in una maniera in cui non ci aspetteremmo! E non siamo in grado di accorgercene!

Come possiamo proteggerci da tutto questo?
Leggi il resto dell’articolo per scoprirlo!

Cos’è il clickbait?

Sempre più spesso si trovano articoli con titoli altisonanti, immagini che colpiscono, incipit che ci costringono a leggere, e sempre più spesso una volta aperto l’articolo ci si accorge che in fondo non diceva nulla. Perché qualcuno perde tempo a fare articoli così di poco valore? Perché continuiamo a cascarci?

Si tratta del cosiddetto clickbait, il click mordi e fuggi. Esistono diverse motivazioni per cui questo meccanismo viene usato e il più delle volte nasconde cattivo giornalismo, altre volte invece è proprio un tentativo di variare l’opinione pubblica e in questo caso diventa più preoccupante e subdolo.

Per quanto riguarda la nascita del fenomeno è ascrivibile al forte cambiamento nell’editoria giornalistica causata dall’avvento di internet, e dalla scarsa capacità di gestione della stessa da parte di alcuni (molti) giornali. Se un tempo per leggere un giornale eravamo costretti ad acquistarlo e il costo che pagavamo sosteneva (lo so, solo parzialmente) la stampa, oggi con l’avvento di internet tendiamo a navigare siti di notizie e desideriamo farlo gratuitamente.

Per mantenere alti gli introiti economici molti giornali scelgono di inserire banner pubblicitari all’interno delle notizie. Tutte quelle immagini enormi che compaiono in mezzo o a volte sopra agli articoli. Sono questo il centro dell’interesse del giornale e il clickbait il modo di soddisfare questo interesse.

Come funzionano i banner pubblicitari?

I banner pubblicitari sono essenzialmente diversi dalla pubblicità in televisione. Se nella pubblicità televisiva è difficile verificare se e quanti abbiano visto quello specifico spot e se e quanto le persone siano state colpite, con i banner pubblicitari fare statistiche sul tema diventa un gioco da ragazzi.

Chi gestisce il sistema di pubblicità sa perfettamente quante volte una data pubblicità viene vista, e quante volte porta al click da parte dell’utente verso il sito pubblicizzato. In questo modo pagherà chi espone il banner, ossia il giornale online, in base a quanti utenti avrà portato a vedere e magari ancor meglio cliccare il banner.

Non solo, come già spiegato in Cosa sa Facebook di me? Cosa sa Google di me? (https://short.staipa.it/cqh52), la pubblicità via banner permette un’ottima targhettizzazione. Ossia a un dato visitatore corrisponde data pubblicità specifica, quella più adatta a lui.

La diretta conseguenza dell’uso di questo sistema è che il giornale è più interessato al fatto che voi vediate la pubblicità rispetto a che voi vediate l’articolo. L’importante è il click, non la lettura.

Un modo per riconoscere un buon giornale ormai è valutare quanto invasiva sia la pubblicità che inserisce. Alla fine è giusto che guadagnino attraverso i banner pubblicitari, nessun servizio può essere gratuito, ma capire se un giornale punta alla qualità o ai soldi facili non è difficile. Titoloni attira click? Banner pubblicitari giganteschi? Meglio cambiare sito.

Gli aggregatori di notizie inoltre “peggiorano” la situazione. Siti come google news, o i social network che ci propongono articoli da più giornali e più siti lasciando scegliere a noi costringono i giornali a una lotta al titolo più attraente innalzando il livello del clickbait. Ma c’è una cosa negli aggregatori che possiamo sfruttare a nostro vantaggio. Esattamente come spiegato in I social possono influenzare la mia mente? (https://short.staipa.it/ikbei) e in Quando siamo estremamente divisivi è probabile siamo vittime di Fake News (https://short.staipa.it/9f1em) tendono a mostrarci le informazioni che ritengono ci possa interessare, basterà un po’ di esercizio nel non cliccare su determinati titoloni, immagini e giornali e in poche settimane smetteranno di proporceli.


Conferenze

Sono disponibile per l'organizzazione di conferenze su Uso consapevole delle tecnologie, e su Come riconoscere le Fake News, o altri temi analoghi. Potete contattarmi attraverso i miei contatti su questo sito. Le conferenze possono essere declinate per formazione per adolescenti, formazione per genitori o formazione per insegnanti. Potete visitare l'apposita pagina Conferenze e Corsi per maggiori informazioni.

1 thought on “Come funziona il clickbait? NON CI CREDERAI MAI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa cookies per fornirti la migliore esperienza. Se sei d'accordo clicca sul tasto 'Accetta cookies', altrimenti controlla la privacy cookies policy e scegli nel dettaglio.

WeePie Cookie Allow cookie category settings icon

Impostazioni Cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito Web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliQuesto sito utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per farlo funzionare.

AnaliticiQuesto sito utilizza cookie analitici per consentire di analizzarne l'uso e le visite alle pagine allo scopo di migliorare l'esperienza utente.

Social mediaQuesto sito web inserisce cookie di social media per mostrarti contenuti di terze parti come YouTube e Twitter. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltriQuesto sito inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.

WeePie Cookie Allow close popup modal icon