Staipa’s Blog

Il Blog di Stefano Giolo, divulgazione informatica, uso consapevole tecnologia, e fatti miei

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Violenza sulle donne Tempo di lettura 2 minuti

il 25 novembre è la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999.

La data della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne segna anche l’inizio dei “16 giorni di attivismo contro la violenza di genere” che precedono la Giornata mondiale dei diritti umani il 10 dicembre di ogni anno, promossi nel 1991 dal Center for Women’s Global Leadership (CWGL) e sostenuti dalle Nazioni Unite, per sottolineare che la violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani.

L’idea del rosso e delle scarpe che da qualche anno viene utilizzata in questi giorni deriva da un’idea dell’artista Elina Chauvet, di origine messicana, che nel 2009 ha ideato il progetto ‘Zapatos Rojos‘, per l’appunto ‘scarpe rosse‘

La violenza sulle donne, o allargando la tematica la violenza di genere, è un tema a cui tengo, ne ho parlato anche spesso anche durante la Festa della Donna.

La cosa più emblematica è che poi spesso partono flame di commenti sui social, sul fatto che le donne abbiano già abbastanza diritti, che ne abbiano troppi, che ci sia una sovrastima dei casi di violenza su di essi. Istat riporta dati piuttosto chiari sull’argomento (https://short.staipa.it/oaq9r), ma come spesso accade voglio cercare un altro punto di vista.

Mi rivolto ai detrattori dei diritti sulle donne, o dei diritti a chiunque altro in effetti: cosa cambia se vengono dati maggiori diritti a qualcuno senza toglierli a voi? Cosa vi cambia se chi uccide o violenta qualcuno viene perseguito in maniera più profonda o se qualcuno viene protetto e aiutato maggiormente? Perché dare diritti o protezione a qualcuno dovrebbe ledere i vostri diritti o la vostra sicurezza?

Ho sempre l’impressione che su questi temi ci sia una specie di effetto branco, la paura di essere accusati di fare qualcosa che di fatto è immorale fare. La paura di essere punito per qualcosa che in fondo uno sa che potrebbe fare. Io sinceramente diffido di qualunque uomo che non lotti per i diritti della donna, e diffido di qualunque umano che non lotti per i diritti di qualunque umano. Sono convinto che chi non lo fa sia complice del sistema, sia che non lo faccia perché crede sia sbagliata la lotta, sia che non lo faccia perché non sa, non capisce, non si interessa.
Diffido anche delle donne che discriminano e insultano a priori gli uomini, sia chiaro.

Nessuno è dalla parte del giusto quando ferisce.
Tutti sono dalla parte del giusto quando fanno del loro meglio per aiutare chi è in minoranza e in difficoltà.


Conferenze

Sono disponibile per l'organizzazione di conferenze su Uso consapevole delle tecnologie, e su Come riconoscere le Fake News, o altri temi analoghi. Potete contattarmi attraverso i miei contatti su questo sito. Le conferenze possono essere declinate per formazione per adolescenti, formazione per genitori o formazione per insegnanti. Potete visitare l'apposita pagina Conferenze e Corsi per maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *