Staipa’s Blog

Il Blog di Stefano Giolo

The Man Who Sold The World

Tempo di lettura 1 minuto

Ieri sera sono stato al concerto di un mio caro amico, Marco, ex chitarrista dei Dazzle.
Tra i suoi vari progetti suona in giro con un duo acustico i “NeroOpaco”, veramente interessanti per passare una serata tranquilla.
Appena arrivato mi trovo ad ascoltare una bella versione di The Man Who Sold The World dei Nirvana…
L’emozione è stata strana, con aria stranita mi sono girato verso la ragazza accanto a me e col sorrisone ho detto “Che bello!! Mi ricorda quando ero giovane e depresso!!”… è stato come catapultarsi improvvisamente in un passato che sembra così lontano dal punto di vista mentale, come anni luce, per quanto dal punto di vista anagrafico sia praticamente ieri, oh no… l’altro ieri dai, ieri ero al concerto! Quando era più semplice stare a casa a sentirsi i Nirvana, i Type 0 Negative, il Requiem di Mozart a seconda del periodo.
Pensare che tra l’altro è uno dei primi brani che ho provato a fare in uno dei miei primi gruppetti e che me lo sono portato dietro per anni assieme a pezzi come “Something in The Way” e “Come as you are”… uno dei primi brani che provavo a imitare dal punto di vista vocale senza neanche mai leggerne  davvero il testo. Ricordarmi triste è stato… allegro!
Va beh che poi mi abbiano portato alllo “Scalo”, un discopubtunztunzpienodifighettichesistainpiediabe
rsiilcocktailsorridendoaquellichepassanosenzariusc
ireaparlareconnessunomatantobastacheve
danocomeseivestito…
quelli non riesco a viverli ancora serenamente… boh mi sa di vuoto e superficiale, io ho (e spero sempre avrò) bisogno di interagire con le persone, parlare, ridere, chiaccherare, rapportarmi e in quei posti mi è veramente difficile… ma per rifarsi sta sera dovremmo andare a sentire i Ganzi e Rozzi quindi son contento.
Per par condicio riporto sia il video dei nirvana sia l’originale del grandissimo David Bowie

Disclaimer

Tutto ciò che leggi qui dentro è una libera rielaborazioni di vissuti, sogni e immaginati. Non rispecchia necessariamente la mia realtà. Se chi legge presume di interpretare la mia vera persona sbaglia. Se chi legge presume che tutto sia inventato sbaglia parimenti. Se tu che leggi mi conosci, leggimi come leggeresti uno scrittore sconosciuto e non chiederti altro di diverso di ciò che chiederesti di questo.

0 thoughts on “The Man Who Sold The World

  1. Staipa, io ho guardato la versione dell’autore, l’Originale! Se, o si cresce springsteeniani o bowie/ani, io per fortuna, lo svezzamento e la crescita, l’ho avuto con David! non per nulla…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up

Questo sito usa cookies per fornirti la migliore esperienza. Se sei d'accordo clicca sul tasto 'Accetta cookies', altrimenti controlla la privacy cookies policy e scegli nel dettaglio.

Impostazioni Cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito Web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.