Staipa’s Blog

Il Blog di Stefano Giolo

E voi continuate a sentirvi assolti.

Nazisti Al Lucca Comics

Non c’è nulla di strano negli ultimi tempi, ragazzate, poco altro. Paura di un ritorno al Fascismo e al Nazismo? No di certo, che vuoi che sia, sono tempi diversi, certe cose non possono tornare.
Ma dai, cosa interessa a me? Ci sono problemi più urgenti che pensare a quelli lì.

Settanta anni fa è stata in un indifferenza poco diversa che è salito al potere prima Benito Mussolini e successivamente Adolf Hitler, lo so il buonismo storico -e in questo caso non è il buonismo a cui fa riferimento una certa politica- fa sì che in Italia ci si dimentichi che Hitler per quanto divenuto più grande e più estremo ha preso spunto esattamente dal “nostro” Benito. Ma è così. Ed è per questo che in tutto il mondo gli autoritarismi di destra si chiamano Fascism e non Nazism. Ma è facile dimenticarlo quando il primo buonista a relativizzare è chi da del buonista agli altri in modo da rigirare la frittata della storia.
Si fingeva di non vedere la violenza verso gli altri nella speranza di un miglioramento per sé stessi e per le proprie famiglie. Un miglioramento che non voglio discutere se ci sia stato o no ma la cui speranza ha portato alla morte e alla sofferenza di una quantità inenarrabile di persone.

In questi giorni c’è stato il Lucca Comics & Game, una convention su fumetti, giochi di ruolo, cosplay e divertimento. Qualcuno ha avuto la bella idea di arrivare vestiti da Nazisti. Con un carro armato.

Adolescenti forse neppure maggiorenni che hanno il cattivo gusto di vestirsi in un modo che solo qualche anno fa sarebbe probabilmente costato il linciaggio. Oggi no, oggi lo si trova diverente.

La città di Dresda, una città tedesca, proclama l’emergenza Nazismo (https://tinyurl.com/y5h32eby) perché a quanto pare esistono diversi gruppi che stanno organizzando azioni antidemocratiche e violente tipiche delle destre estreme.

Liliana Segre, probabilmente l’ultima sopravvissuta Italiana ad Auschwitz (https://it.wikipedia.org/wiki/Liliana_Segre) propone una proposta di legge contro la violenza antisemita e razzista in genere e compattamente Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia si astengono (https://tinyurl.com/y62n4m9j). Si astengono. Non hanno neppure il coraggio di votare contro e mostrare la loro posizione e si astengono per mantenere vivo il segnale, il contatto con gli estremisti in Italia, quelli che trovano divertente travestirsi da Nazisti ad una convention di giochi e fumetti, quelli che negli stadi urlano contro i giocatori di colore, quelli che sperano che le navi affondino e che gli immigrati affoghino.

Come se essere contro la violenza debba per forza essere di Sinistra. Come se difendere una minoranza debba per forza essere di Sinistra. Come se anche solo non insultare i diversi debba essere di Sinistra.

Ed ancora si dice che non c’è nulla di cui preoccuparsi. Che va bene così. Che siamo tutti qui che urliamo al lupo al lupo. Che divertente no, vedere sfilare della gente vestita da nazista? Che bello sentire che:

Ma continuate a pensare che va tutto bene, che è tutto normale. Continuate ad andare a messa e sentirvi a posto con voi stessi, a votare persone che non sono contro la violenza pensando che vi regalino qualcosa togliendo accise o abbassando tasse. Continuate a sentirvi assolti perché in fondo voi non avete fatto niente di male, perché in fondo non è colpa vostra.

Nel frattempo moriranno altre persone, nel frattempo si ribelleranno altre persone contro i colpevoli, contro chi si è sentito assolto e purtroppo anche contro quei pochi che hanno provato ad opporsi.
Ma vi sentirete assolti anche allora, vi sentirete assolti e direte ma io non pensavo, io non ho visto, io non sapevo.
Farete quelli che erano contro fin dall’inizio ma che erano troppo occupati per occuparsene.

Vincerete comunque, vincerete sempre.

Ma guardate le vostre coscienze, guardare se ciò che avete dentro è bianco e pulito come le vostre facce o sporco di sangue, di terra e dello schifo che lasciate venga lanciato sui più deboli.

Guardatevi dentro e chiedetevi se non avete da qualche parte un ritratto come quello di Dorian Grey in cui specchiarvi. Se siete religiosi chiedetevi se la faccia che mostrerete un giorno sarà quella pulita che mostrate qui o quella sporca e schifosa di quel quadro. Se non lo siete chiedetevi almeno che mondo volete consegnare ai vostri figli. Se non avete figli ricordate che un giorno potreste diventare voi quello diverso da qualcun’altro. È già successo. Noi italiani siamo già stati il diverso, siamo già stati l’immigrato.
La storia è una ruota che gira, tutti siamo stati sotto, tutti siamo stati sopra, e se non stiamo attenti tutto continuerà a tornare.

Disclaimer

Tutto ciò che leggi qui dentro è una libera rielaborazioni di vissuti, sogni e immaginati. Non rispecchia necessariamente la mia realtà. Se chi legge presume di interpretare la mia vera persona sbaglia. Se chi legge presume che tutto sia inventato sbaglia parimenti. Se tu che leggi mi conosci, leggimi come leggeresti uno scrittore sconosciuto e non chiederti altro di diverso di ciò che chiederesti di questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up

Questo sito usa cookies per fornirti la migliore esperienza. Se sei d'accordo clicca sul tasto 'Accetta cookies', altrimenti controlla la privacy cookies policy e scegli nel dettaglio.