Staipa’s Blog

Il Blog di Stefano Giolo

iPhone

Tempo di lettura 3 minuti

l ristretto manipolo di cronisti che per primi hanno avuto la fortuna di impugnare e provare la novità Apple sono sorpresi di come le linee pulite, l’aspetto essenziale di iPhone richiamino alla mente l’idea di perfezione e di archetipo platonico e, allo stesso tempo, offrano un tocco e una maneggevolezza piacevoli, caldi, qualcosa che vive di vita propria e di assolutamente ergonomico. L’esatto contrario dei classici cellulari!

La prova del fuoco
Il cronista impugna iPhone e inizia una chiamata: sul grande schermo compare una piacevole icona. Quando durante la conversazione entra una seconda chiamata, sullo schermo compare una seconda piacevole icona. È sufficiente toccare quest’ultima con un dito per passare alla seconda chiamata oppure, toccando il tasto Unisci Chiamate, creare all’instante una telefonata-conferenza a tre. Bello da vedere, semplice da usare.

iPhone
iPhone


Nella gestione degli SMS iPhone organizza i diversi messaggi come thread di conversazione. Non occorre più scorrere l’intero elenco degli SMS per cercare quello desiderato o per riprendere la conversazione lasciata in sospeso. Basta premere la piacevole icona che ricorda un piccolo oggetto prezioso per vedere in sequenza tutti gli SMS relativi allo stesso contatto o discussione. Ancora, per scrivere testo non siamo più limitati alle classiche tastiere numeriche multifunzione dei cellulari: non occorre più premere numerose volte un singolo tasto per ottenere una lettera o una punteggiatura. iPhone offre una tastiera QWERTY completa e persino utilizzabile.

Stesso discorso per le applicazioni multimediali e di collegamento Web. I filmati visualizzati a pieno schermo risultano estremamente definiti, brillanti e più grandi di quelli offerti da un iPod video. Il software per la posta elettronica è in grado di gestire allegati, immagini inserite nella mail, email in HTML, insomma tutte le funzioni che ognuno di noi è abituato a utilizzare nella posta sul computer. La versione integrata di Safari mostra le pagine Web nella loro interezza, non le snervanti versioni alleggerite e rimpicciolite tipiche di smartphone e telefonini.

Addirittura disarmante, per la sua semplicità d’uso e intuitività, l’interfaccia utente. Per sbloccare iPhone è sufficiente sfiorare con le dita la superficie dello schermo. Per ingrandire una foto o l’articolo di una pagina Web è sufficiente un doppio tocco con il dito. Per ridurre le dimensioni dell’immagine e ritornare alla anteprima è sufficiente toccare il bordo superiore e inferiore con pollice e indice infine avvicinare le due dita. Facile come il più semplice dei gesti. A differenza di numerose altre società, Apple riserva una cura maniacale, spasmodica per l’interfaccia grafica utente. “Rischiamo di discutere letteralmente anche su un unico singolo pixel” La frase di Scott Forstall, vice presidente di Apple Platform Experience, non fa altro che confermare quello che tutti i fan della Mela già sapevano. Creare interfacce belle da vedere e facili da usare non è una passeggiata.

Esistono anche difetti
iPhone non è esente da difetti. Cronisti e siti Web sono in corsa per elencarli: non è possibile accedere direttamente da iPhone in iTunes per scaricare canzoni – serve sempre un computer, non è possibile la sincronizzazione senza fili con il computer tramite Wi-Fi o Bluetooth, mancano i giochi, la batteria non è rimovibile, non esiste un alloggiamento per schede di memoria aggiuntive e forse non è possibile installare altri applicativi ad eccezione di quelli realizzati e concessi da Apple.

Ognuna di queste lacune, così come tutte le caratteristiche positive viste fino a qui, deve essere esaminata a fondo quando le prime unità raggiungeranno gli scaffali dei negozi. Ma cosa altrettanto importante, Apple potrebbe fare tesoro dei primi commenti registrati dal Macworld fino al giorno del lancio ufficiale, per integrare, migliorare e sopperire i punti deboli individuati dalla stampa e dai primi utilizzatori.

PROPRIO QUEST ULTIMA CONSIDERAZIONE E’ IMPORTANTE… al lancio mancano 6 mesi in america, e quasi 10 per l’autunno…
Non è detto che potrà essere migliorato.

David Pogue ha provato il telefono in presenza di Steve Jobs, e Steve stesso gli ha detto che il cellulare verrà ulteriormente migliorato prima dell’uscita ufficiale.

Il telefono che abbiamo visto è un sorta di prototipo. L’hanno presentato così presto perche se avessero cominciato la procedura di approvazione e le solite cose, ci sarebbero state fughe di informazioni. Jobs ha precisato che sarà migliorato e verranno spiegate meglio in futuro certe cose.

Godetevi i filmati…..


Conferenze

Sono disponibile per l'organizzazione di conferenze su Uso consapevole delle tecnologie, e su Come riconoscere le Fake News, o altri temi analoghi. Potete contattarmi attraverso i miei contatti su questo sito. Le conferenze possono essere declinate per formazione per adolescenti, formazione per genitori o formazione per insegnanti. Potete visitare l'apposita pagina Conferenze e Corsi per maggiori informazioni.

0 thoughts on “iPhone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up

Questo sito usa cookies per fornirti la migliore esperienza. Se sei d'accordo clicca sul tasto 'Accetta cookies', altrimenti controlla la privacy cookies policy e scegli nel dettaglio.

Impostazioni Cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito Web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliQuesto sito utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per farlo funzionare.

AnaliticiQuesto sito utilizza cookie analitici per consentire di analizzarne l'uso e le visite alle pagine allo scopo di migliorare l'esperienza utente.

Social mediaQuesto sito web inserisce cookie di social media per mostrarti contenuti di terze parti come YouTube e Twitter. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltriQuesto sito inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.