Dic 192018
 

Prendo spunto da un articolo pubblicato su TGCom, “Due turiste scandinave violentate e sgozzate in Marocco, arrestato un uomo” (https://goo.gl/shkffz).

Screen Dell’Articolo
(https://goo.gl/shkffz)

Non leggo TGCom in genere ma sono stato attratto da questo articolo in quanto in quei giorni ero io stesso in Marocco. L’articolo è semplice, parla della violenza e l’uccisione perpetrate su due turiste scandinave, il titolo dice già più che a sufficienza. Sono i commenti che mi inquietano.

“Leggo che le turiste hanno preso le relative precauzioni per la sicurezza. Mi sfugge in che modo!!? In quelle zone si va in giro con una guida o almeno in comitiva di 5-6 persone e non due ragazze da sole.”

“30 viaggi in Marocco. nel 1981 ho fatto un giro in moto con la mia ragazza stavo attento perchè conosco la mentalità di una buona parte degli abitanti, comunque ci sono stati momenti poco simpatici. bel paese ma le donne mai sole e sempre davanti all’uomo”

“In Marocco si gira accompagnate, inutile dire che è un paese sicuro. Non lo è”

“Se fossi una donna giovane e carina, non viaggerei mai in un Paese islamico per un mese, al di fuori di un villaggio turistico o escursioni di gruppo organizzate”

(https://goo.gl/shkffz)
Screen dei commenti
(https://goo.gl/shkffz)

Questo è quello che riusciamo ad esprimere? Come se se la fossero cercata. La vittima è colpevole di essersela cercata, soprattutto quando la vittima è donna. 
Il tutto ovviamente per tacere del resto dei commenti a sfondo razzista. In Italia quest’anno le donne uccise (la parola femminicidio non mi piace) sono state almeno 94 (https://goo.gl/Lm1BjL) e se andiamo a cercare, anche di queste il più delle volte si è scritto che se la sono cercata, chi perché cercava droga, chi perché si era vestita in maniera provocante, chi se l’era cercata in altro modo. Non ci si ferma mai a riflettere sulle cause, sul carnefice. Si discute sul fatto che la vittima avrebbe dovuto limitare la propria libertà pensando all’eventualità, forse alla probabilità, di essere stuprata e ammazzata. Da un uomo. Educhiamo le donne da millenni al fatto che siano loro a dover passare la vita a guardarsi attorno per proteggersi e lasciamo agli uomini il diritto di guardarle con concupiscenza, parlare di cosa le farebbero se le avessero sotto mano, mancare di rispetto, violare intimità. Si da per scontato che sia normale che due donne sole vengano uccise, sgozzate e ne venga lasciato il corpo per strada e che sia un loro errore non proteggersi.
Un po’ come dire a un tizio che passeggia in autostrada “Beh, se cammini in autostrada è normale che finisci sotto una macchina”.
Risulta normale che la vita di una donna sia come camminare in autostrada, e che la vita di un uomo sia come guidarci. Mica è colpa sua se ti ha investito, mica ti ha visto, sei tu che camminavi lì. Non serve correggere correggere le auto se è normale che in autostrada vadano ai 130. Non serve correggere gli uomini se è normale che stuprino e ammazzino donne che se la cercano.

Per parlar poi del Marocco, del razzismo degli altri commenti, della presunzione che sia un luogo pericoloso io ne so molto poco. So che in nessun paese prima di andare in Marocco ho incontrato sconosciuti che mi dicessero “Ehi, Alì Baba, non andare in quella direzione di sera, meglio di là che lì non è sicuro” o “Ehi, Alì Baba, stai cercando il mercato, è da quella parte!”. Eppure lì mi è successo ed in più di una città. Provate a Roma, a Milano, a Napoli, a Torino, a Bari a girare per i quartieri malfamati e vedete in quanti spontaneamente vi diranno di andare in un altra direzione. Eppure anche in Italia vengono violentate turiste (https://goo.gl/ZKcQdZhttps://goo.gl/ve3wiChttps://goo.gl/yaX8N7,
https://goo.gl/64fcJ3) e ogni volta se la sono cercata, qualcuna addirittura per prendere soldi dall’assicurazione, così dicono i soliti informati.

Sono le donne che sbagliano, che se la cercano. Se vanno a carezzare una belva affamata è normale vengano morse. Ma nessuno si pone il problema che siano gli uomini questa bestia affamata. Che sia questo continuare a dare la colpa alla vittima a rendere i carnefici forti.

Aggiornamento 20/12/2018 ore 16:05
Sembra si sia trattato di un atto terroristico e che i colpevoli siano già stati arrestati. Fonte: https://bit.ly/2R82O0v

Giu 072018
 

A quanto pare secondo il nuovo Ministro Lorenzo Fontana le famiglie arcobaleno non esistono.
A quanto pare nonostante su Porn Hub e su Youporn una delle categorie più visitate in italia sia il porno lesbo, le coppie omosessuali non esistono. Se esistessero evidentemente piacerebbero, eh?
Tuttavia non esistono. Peccato.
Per risolvere questa terribile soluzione, e proponendo un bel #senonesistonononticimasturbare, ho pensato di scrivere a PornHub e a Youporn chiedendo cosa ne pensino della situazione, e se sia il caso di rimuovere questa categoria obsoleta dai loro siti, almeno per l’Italia, almeno per un po’.
Cliccando sulle due paroline magiche PornHubYouporn su questo mio articolo sul blog si raggiungono direttamente i contatti dei due siti, ma in caso una veloce ricerca su google può aiutare anche i più pigri.

Nel frattempo avevo anche taggato il Signor Ministro su Facebook per chiederne il parere ma a quanto pare ha tolto il tag e mi ha bloccato. Chissà se fossimo in tanti a farlo se cambierebbe qualcosa.

Mag 282018
 

Mi ero ripromesso di non scrivere più di partitica, di non nominare più esponenti politici e di non immischiarmi più in queste cose. Lo avevo fatto perché ormai tutti si sentono in diritto di sentenziare dall’alto di podi da espertoni facendo spesso magre figure e ho cercato con tutto me stesso di non appartenere mai più a queste schiere di imbecilli. Ma per quanto io non sia in genere molto patriottico quando un leader politico trasforma la bandiera nazionale in un simbolo strumentalizzato del proprio partito, quando lo fa a pochi giorni dal 2 giugno dicendo di tirarla fuori come rivendicazione, allora termina anche ogni armistizio. Quando mi si toglie la libertà di essere patriottico perché esserlo mi farebbe apparire come appartenente ad una fazione si sta ledendo il mio diritto di essere Italiano. Quando non è più la loro bandiera ad essere il loro simbolo ma è la mia allora siamo al primo grande balzo verso un fascismo, verso una battaglia sporca di fango e schifo. Quando un partito rivolta la realtà e dopo aver ottenuto consensi grazie alle fake news, ed essere stato fondato dalla società che gestisce la maggior parte dei siti di fake news fa la vittima dicendo che le notizie false sono quelle degli altri e contemporaneamente negando le proprie stesse dichiarazioni, quando un uomo che se parla libero non sa coniugare un verbo esce con un video che palesemente non è farina del suo sacco, con un discorso scritto da un professionista della comunicazione, con un incipit, una tesi, delle spiegazioni e una conclusione ma una infinità di tagli di scena perché nella pratica non sarebbe mai in grado di farlo intero, allora cominci a renderti conto che qualcosa sta andando storto.
Ma è quando ti accorgi che una grande quantità Continue reading »

© Staipa's Blog: esercizi di stile, poesia o urla. Privacy Policy Grafica sviluppata da Marika Petrizzelli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: