Set 212018
 

Lo so. Alla domanda “In che mondo vivranno i nostri figli?” rispondo sempre “Nello stesso in cui viviamo noi e in cui hanno vissuto i nostri genitori e i genitori dei nostri genitori e così via“. Il mondo alla fine è sempre la stessa declinazione di bellezze e brutture. L’uomo si crede migliore di chi è venuto prima (e di chi verrà dopo) e ogni volta si meraviglia nello scoprire di essere invece peggiore. Di fatto cambiano le situazioni ma non i meccanismi di base. Cambiano i tempi ma non l’uomo.
Una domanda più pertinente per me sarebbe: “Ma in che mondo stiamo vivendo noi?“.
In questi giorni mi sono trovato ad affrontare un paradosso che come direbbe una mia cara amica, “non mi ci sta in testa“. Non trovo una definizione migliore. In poche ore mi sono trovato a leggere articoli di un gruppo parlamentare che lotta per diminuire i diritti dei cittadini (https://goo.gl/L7PbCY) e di una attivista vegana che lotta per i diritti dei pesci (https://goo.gl/Fqephw) lamentandosi del fatto che all’acquario di Genova ci si mangi davanti. Come se un pesce riuscisse a distinguere cos’hai nel piatto. Come se la differenza tra un uomo e una mucca, entrambi mammiferi, fosse maggiore di quella tra uno delfino e un totano che sono rispettivamente un mammifero cetaceo e un cefalopode.
Siamo davvero in un mondo in cui nonostante la crisi economica, nonostante le guerre continue, nonostante esseri umani muoiano quotidianamente nella ricerca della libertà qualcuno si occupa di togliere altre libertà o di lamentarsi perché un delfino, che mangia pesce per definizione, potrebbe offendersi perché ti vede un totano nel piatto. Mi immagino già il totano che fa il tifo quando ti vede nel piatto un tonno o una ricciola, suoi principali predatori.
Qualcuno vuole decidere come finire la propria vita e ottiene la possibilità di farlo. Che male ti fa se tu non vuoi avere questa libertà? Qualcuno vuole riconosciuti i diritti di poter ereditare, avere informazioni mediche, condividere degli averi, costruire qualcosa con chi ama indipendentemente dal sesso e riesce ad ottenerlo. Che male ti fa se tu non vuoi farlo?

Continue reading »
Ago 302018
 

C’è una diatriba interna ormai tra quello che è il cristianesimo, il messaggio contenuto nei vangeli -apocrifi o meno poco importa- e la vita reale di chi lo professa. Non dovrebbe neppure servire farne esempi ma quando esponenti politici portano alta la bandiera di un cattolicesimo convinto e si trovano a rifiutare tutto ciò che è caritàaccoglienzaamore per il prossimo, quando parte dei cattolici stessi portano la bandiera di questi politici convinti che incarnino i loro valori diviene chiara la dicotomia tra il messaggio che un giovane uomo predicava in giudea duemila anni fa e quello raccolto oggi. Parlarne in maniera asettica, senza abbassarsi allo stesso livello non è mai facile ma qualcuno prima di me, ha trovato il modo elegante e razionale di esprimerlo con un eleganza oggi ancora irraggiunta. Fabrizio De AndrèRoberto Dané, ne La buona Novella. Ascoltandola, leggendone il testo, approfondendo anche le parole del Faber

Avevo urgenza di salvare il cristianesimo dal cattolicesimo. I vangeli apocrifi sono una lettura bellissima con molti punti di contatto con l’ideologia anarchica.

Continue reading »
Gen 082015
 

Da un po’ non capita che qui io scriva di politica, il titolo del blog è ancora poesipolemipolitica ma ammetto di aver mollato un po’ su quest’ultima.
La causa è piuttosto semplice in realtà, ossia il fatto che negli ultimi cinque o sei anni sono aumentati esponenzialmente in rete quelli che non sanno distinguere la politica dalla partitica, quelli che non sanno neppure cosa sia la politica e credono di parlarne ogni giorno pubblicando link con titoli altisonanti, quelli che si bevono ogni cosa dalle scie chimiche ai complotti spaziali credendo di essere per questo più acculturati e intelligenti di chi ha una formazione scientifica e lavora nei settori di competenza, questo mi ha fatto passare la voglia di discutere pubblicamente di politica.
Oggi tuttavia sono abbastanza infoiato da non aver voglia di non parlarne.
Voglio partire da un esempio più ampio per poi arrivare al punto:
La Franzoni (pare, perché io ho solo le informazioni giornalistiche, come tutti) abbia ucciso il proprio figlio, è solo il caso più famoso qui in Italia, quello a cui i giornalisti hanno deciso di dedicarsi ma ci sono diversi altri esempi (qui un elenco sommario).
perché nessuno dice che le mamme stanno facendo una guerra contro la nostra società per distruggere la popolazione e fare una selezione innaturale eugenetica di figli?
Semplicemente perchè, per ora, non abbiamo pregiudizi nei confronti delle mamme e difficilmente, per fortuna, riusciamo ad averne.
Tutto qui.
Eppure assumendo che le donne siano circa il 50% della popolazione e che quattro donne su cinque abbiano prima o poi figli la popolazione di mamme e potenziali tali sfiora il 40% su quella mondiale. Un potenziale terroristico estremamente grande.
Nonostante questo si assume che le madri assassine, percentuale estremamente bassa delle madri in genere siano delle pazze isolate.
La popolazione musulmana nel mondo si attesta intorno al 21% ,che è una popolazione grande la metà della popolazione delle madri.
In questa popolazione tre hanno fatto una strage a Parigi l’altro giorno.
In questa popolazione in varie parti del mondo ogni tanto qualcuno uccide gente.
In questa popolazione una percentuale decisamente ridotta comanda alcune nazioni usando la religione come espediente emotivo e morale per costringere una popolazione a fare cose negative, un po’ come fanno altre nazioni con il comunismo, un po’ come fanno altre nazioni con il potere totalitario, e molti di questi sono stati messi al potere dall’occidente, vogliamo ricordare chi ha messo al potere Saddam Hussein o Mu’ammar Gheddafi?
Eppure quando uno di questa popolazione fa un omicidio o uccide più persone questo implica che i Mussulmani ci vogliano conquistare.
Ora lasciamo perdere il fatto che Musulmano sia una generalizzazione enorme che dimentica di includere od escludere sotto gruppi di cui alcuni violenti e moltissimi pacifici, ma se il 20% della popolazione mondiale fosse fatto di terroristi che vogliono conquistare il resto del mondo, davvero qualcuno crede che non lo avrebbero già ampiamente fatto?
Peggio ancora se consideriamo che vogliano conquistare e distruggere il cristianesimo che è solo il 33%, pure frazionato in varie sotto categorie di cui il cattolicesimo che in Italia è considerato “quello giusto” è a sua volta una percentuale che andrebbe ulteriormente ridotta considerato i praticanti e quindi reali appartenenti a tale religione.
Però se ucciderci è un mussulmano è una guerra religiosa, se è una madre è lei ad avere dei problemi, non siamo in grado di concepire che tra i musulmani ci siano persone buone, magari la maggioranza, dato che in caso contrario ci avrebbero già conquistato, e persone con seri problemi che prendono la religione come punto scusa per commettere delitti.
Charles Manson, per prendere un caso famoso, ha fatto svariati omicidi e successivamente una strage di cinquanta persone, all’epoca era considerato e si considerava un leader religioso, affermava di essere la reincarnazione di Gesù Cristo e di Satana, ma nessuno ha pensato che la sua religione volesse conquistare il mondo, è semplicemente stato considerato uno squilibrato.
La definizione che da Wikipedia di terrorismo mi piace molto “Il terrorismo è una forma di lotta politica che consiste in una successione di azioni criminali violente, premeditate ed atte a suscitare clamore come attentati, omicidi, prostituzioni, stragi, sequestri, sabotaggi, ai danni di enti quali istituzioni statali e/o pubbliche, governi, esponenti politici o pubblici, gruppi politici, etnici o religiosi.” ora se prendiamo questa come definizione chi è a fare terrorismo?
I tre personaggi che uccidono dieci persone o noi stessi e il giornalismo che li innalzano a “Guerra Santa”, a “Ci vogliono conquistare” a “I Musulmani sono tutti cattivi” alimentando non solo la paura ma l’interesse nel ripetere simili atti?
Non sarebbe più semplice, più utile, più corretto tacciarli semplicemente di follia? Come una madre che uccide i figli? Come qualsiasi pazzo che uccide persone che semplicemente ha scelto una giustificante, una molla, un movente diverso da altri ma egualmente privo di senso?

Apr 242011
 

A pasqua mi accorgo sempre di come le persone siano interessate alle feste religiose più in base all’emotività e alla moda che alla conoscenza reale di cosa sia la festa e della sua importanza nello specifico.

Non credo serva uno psicologo o un sociologo per spiegare come mai a Natale ci sia il triplo delle persone a messa rispetto a Pasqua nonostante Pasqua sia la festa Cristiana più importante dell’anno e Natale abbia un importanza relativa.
Tuttavia ogni anno è così, e credo che buona parte delle persone che considerano importante andare a messa a natale ma non ci vanno il resto dell’anno non sappiano neppure perché sia la Pasqua la festività cuore dell’anno liturgico.

Apr 242011
 

In principio Dio creò il cielo e la terra.
Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.
Dio disse: “Sia la luce!”.
E la luce fu.
Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce giorno e le tenebre notte.

E fu sera e fu mattina:  primo giorno.
Dio disse:  “Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque”. Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che son sopra il firmamento.
E così avvenne.
Dio chiamò il firmamento cielo.

E fu sera e fu mattina: secondo giorno.
Dio disse:  “Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l’asciutto”. E così avvenne.
Dio chiamò l’asciutto terra e la massa delle acque mare.
E Dio vide che era cosa buona.
E Dio disse: “La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie”. E così avvenne:  la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona.

E fu sera e fu mattina: terzo giorno.
Dio disse: “Ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra”.
E così avvenne:  Dio fece le due luci grandi, la luce maggiore per regolare il giorno e la luce minore per regolare la notte, e le stelle. Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona.

E fu sera e fu mattina: quarto giorno.
Dio disse: “Le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo”. Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano e brulicano nelle acque, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. Dio li benedisse: “Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra”.

E fu sera e fu mattina: quinto giorno.
Dio disse: “La terra produca esseri viventi secondo la loro specie: bestiame, rettili e bestie selvatiche secondo la loro specie”. E così avvenne: Dio fece le bestie selvatiche secondo la loro specie e il bestiame secondo la propria specie e tutti i rettili del suolo secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona.

E Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza, e domini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutte le bestie selvatiche e su tutti i rettili che strisciano sulla terra”.
Dio creò l’uomo a sua immagine;
a immagine di Dio lo creò;
maschio e femmina li creò.

Dio li benedisse e disse loro:

“Siate fecondi e moltiplicatevi,
riempite la terra;
soggiogatela e dominate
sui pesci del mare
e sugli uccelli del cielo
e su ogni essere vivente,
che striscia sulla terra”.

Poi Dio disse: “Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde”. E così avvenne.  Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona.

E fu sera e fu mattina: sesto giorno.
Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere. Allora Dio, nel settimo giorno portò a termine il lavoro che aveva fatto e cessò nel settimo giorno da ogni suo lavoro.  Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, perché in esso aveva cessato da ogni lavoro che egli creando aveva fatto.  Queste le origini del cielo e della terra, quando vennero creati.

E fu sera e fu mattina: ottavo giorno.
Dio vide nel mezzo del mondo un uomo, Abramo che si guardava intorno dimentico del passato e smarrito al quesito di chi avesse creato tutto questo.
Scese sulla terra e vi parlò per poi lasciarlo vivere e lasciare che il suo verbo si espandesse. Rimase a seguire l’uomo per ore, tra le sue guerre, e le civiltà.
L’uomo era diverso dagli altri animali e seguirlo era un’attività molto più faticosa delle precedenti.

E fu sera e fu mattina: nono giorno.
Dio disse: “dov’è finito l’uomo in questa notte?” E fece scendere il suo figlio primogenito sulla terra per indicare la via agli uomini, li seguì il tempo che questi nuovi insegnamenti si espandessero poi la fatica lo portò nuovamente a riposare.

E fu sera e fu mattina: decimo giorno.
Dio disse: “dov’è finito l’uomo in questa notte?” E con rammarico guardò le armate vestite di bianco fregiate di croci rosse, guardò le guerre e il sangue, guardò la barbarie, e vide che non era cosa buona e giusta. Decise di cambiare il mondo, ancora una volta ma con segni più piccoli per non interferire troppo, mandò santi e cultura, voglia di rinascita.

E fu sera e fu mattina: undicesimo giorno.
Dio disse: “non è questo ciò per cui ti ho creato libero” e urlò all’uomo di smetterla col petrolio, con l’uranio, con il sangue e le guerre fratricide, fece tremare la terra, scaldare il cielo, lanciò segni che non lasciassero dubbi sul rischio dell’uomo di distruggere la terra stessa che gli era stata donata.

E fu sera e fu mattina: dodicesimo giorno.
Dio scese sulla terra e non vi trovò un solo uomo, ma trovò ancora piante, animali e la terra che liberatasi del proprio male aveva ripreso a vivere.
E vide che era cosa giusta.

Feb 222011
 

Qui mi sono imbattuto in un interessante ed esaustivo elenco delle strategie più usate dai ciarlatani in generale e da quelli che bazzicano il web in particolare.
Ho pensato di riproporlo con qualche modifica per adattarlo a ciò che accade in forum e blog (l’originale si riferiva nello specifico all’ambiente dei newsgroup), in quanto veramente illuminante, anche perché quella che ho linkato è la versione italiana di una lista di fuffosità varia redatta inizialmente da un gruppo statunitense, a dimostrazione del fatto che tutto il mondo è paese: le regole che seguono, vi ricordano il comportamento di qualcuno, per purissimo caso?

Per essere un Fuffaro come si deve, è necessario seguire le seguenti norme:

1.

Preferite sempre la chiave di lettura cospirazionista rispetto alla chiave di lettura noiosamente banale: le spiegazioni naturali, come ad esempio che a Roswell sia caduto un pallone-sonda, sono per i sempliciotti e per le spie del governo. Se volete andare a letto con quella topina newage tutta curve non ditele che l’astrologia è una cretinata (anche i non-fuffari possono trarre temporaneo beneficio da questo consiglio).

2.

Mai cercare la più semplice ed ovvia causa di qualcosa ed in particolare evitate come la peste di menzionare il Rasoio di Occam: è la vostra nemesi!

3.

Dovete essere convinti che la parola «anomalia» significhi «conferma indubitabile» di attività paranormale, o analogamente «dimostrazione inoppugnabile» di presenza aliena, o ancora «prova incontestabile» di misterioso e malvagissimo complotto a livello come minimo mondiale se non intergalattico.
Quindi usate la parola «anomalia» più spesso che potete: eventualmente arricchitela da aggettivi come «inspiegabile», «inquietante», o, se siete in full attack mode, «evidente», «lampante», ed altro che implichi gravi difetti psicofisici in chi osasse trovarla qualcosa di normale.

4.

Definite tutto quello che è comunemente accettato, e contro cui vi battete, usando l’aggettivo «ufficiale» in senso dispregiativo, come se si trattasse di un’imposizione proveniente da qualche autorità di cui bisogna diffidare e non di cose che chiunque, solo volendolo, può verificare.
Riempitevi la bocca di frasi che iniziano Continue reading »
Nov 192009
 

Non è facile esporsi su questo tema, soprattutto quando si ha il ruolo “pesante” di educatore in un’associazione cattolica, soprattutto quando ciò che scrivi potrà essere letto dai ragazzi a cui cerchi di passare dei valori o dai loro genitori.
Il rischio di essere frainteso è grande e così è diverso tempo che penso se espormi o meno a riguardo di questa tematica.
Il crocefisso nelle scuole, nei luoghi pubblici.
Crocefisso si? Crocefisso no?
Io sono dell’idea Crocefisso non mi importa.
Partiamo però dal principio.
Qual’è il motivo per cui chi sostiene l’importanza di questo simbolo si infervora così tanto?
Per lo più le motivazioni di cui ho sentito parlare sono perché fa parte della cultura e dell’identità Europee e Italiane, si questo è vero. Ma se così fosse perché non mettere in tutti i luoghi pubblici l’immagine di Leonardo da Vinci, o quella di qualche altro personaggio che è stato fondante e fondamentale per la nostra cultura e affermazione nel mondo?
Non sarebbe la stessa cosa?
Quel simbolo, quella croce, rappresenta ciò in cui credo, rappresenta ciò su cui si basa la mia vita, le mie scelte, il mio essere, rappresenta la mia vita.
Non la tua, la sua, quella del mio vicino, quella dell’Italia o dell’Europa.
Quel simbolo, quella croce se si limita ad essere un’immagine che Continue reading »

Feb 092009
 

6 Febbraio 2009
Non c’è e non c’è mai stata una loro presunta superiorità morale. La sinistra in passato viveva grazie ai rubli sporchi di sangue dell’Unione Sovietica
-Silvio Berlusconi-

la Costituzione è «una legge fatta molti anni fa sotto l’influsso di una fine di una dittatura e con la presenza al tavolo di forze ideologizzate che hanno guardato alla Costituzione russa come un modello
-Silvio Berlusconi-

Hai ragione mio presidente!
E i comunisti Continue reading »

Gen 312009
 
“Il Cammino dell’uomo”, tratto da una conferenza del 1947 del filosofo Martin Buber (ebreo, vissuto in Austria, Ucraina, Germania, e Israele, morto a Gerusalemme nel 1965), è un piccolo libricino di circa sessanta pagine, in cui l’autore commenta alcuni insegnamenti chassidici, parlando di spiritualità con stile esemplarmente semplice.

Questo libro mi è stato regalato qualche settimana fa da una carissima amica che tanti anni fa era la mia animatrice del gruppo giovani, lo ritengo davvero bellissismo, tra l’altro a me piace molto il tipico modo di scrivere ebraico in cui vengono spesso aneddoti interessanti e ricchi di saggezza.
Come lascia intendere il titolo parla del cammino dell’uomo, aiuta a chiedersi “dove sono?” e a capire come ogni singola persona sia importante per quello che è. Aiuta a capire come non abbia senso cercare di essere qualcun altro ma che sia necessario essere proprio se sessi. Mostra come per cambiare il mondo e la propria situazione sia necessario proprio in primis cambiare se stessi, non i dettagli che ci girano attorno, non le piccolezze e i piccoli comportamenti, ma se stessi. Sempre restando e valorizzando ciò che già si è.
Da questo libro si capisce che tu sei importante per quello che sei, e che non devi affatto essere troppo diverso da quello che sei per realizzarti a pieno.

Hermann Hesse a Martin Buber scrisse

Nov 272008
 

Il 27 Novembre 1830 alle 17:30, durante la meditazione, Caterina vede nel posto dove ora è situata la statua della Santa Vergine del globo, come due quadri viventi che passano in dissolvenza incrociata.
Nel primo, la Santa Vergine è in piedi su una semisfera (globo terrestre) e tiene tra le mani un piccolo globo dorato. I piedi di Maria schiacciano un serpente.
Nel secondo, dalle sue mani aperte escono raggi di uno splendore abbagliante. Nello stesso tempo Caterina ode una voce, che dice†:
´ questi raggi sono il simbolo delle grazie che Maria ottiene per gli uomini. ª Poi un ovale si forma attorno allíapparizione e Caterina vede scriversi in un semicerchio questa invocazione, prima sconosciuta :
´ O Maria concepita senza peccato prega per noi che ricorriamo a Te ª scritta in lettere dí oro.
Subito dopo la medaglia si gira e Caterina vede il rovescio: in alto una croce sormonta la M di Maria, in basso due cuori, líuno incoronato di spine, líaltro trapassato da una spada. Caterina ode allora queste parole†: ´ Fai coniare una medaglia, secondo questo modello. Coloro che la porteranno con fede riceveranno grandi grazie ª.

Fonte

© Staipa's Blog: esercizi di stile, poesia o urla. Privacy Policy Grafica sviluppata da Marika Petrizzelli
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: